loading
Richiedo Campionato Italiano strada (una prova per ogni organizzatore)
10 maggio 2014

Randonnèe della Romagna

Distanza

400 KM

Tempo massimo

24.00 ore

Dove

Lugo (RA)

Contatti

0545900500
3398728362
E-mail

Partenza

18:00 - 19:00

Omologazione

BRM/ACP

400 KM

Servizi

Iscrizioni

dal 01/01/14 al 09/05/14

Quota di iscrizione

Online: 10.00 €
Online Soci ARI: 8.00 €

Per chi vuole ottenere il brevetto da 400 km, controllo e partenza dal centro cittadino situato in Largo Calderoni. Interessante la visita al giardino pensile della Rocca Estense a cui si accede dal cortile interno. Di fronte alla Rocca si erge il Pavaglione, imponente quadriportico costruito tra il 1771 e il 1783, per accogliere il mercato dei bozzoli del baco da seta, allora molto fiorente. Di fianco alla rocca si staglia il Monumento a Francesco Baracca, asso dell'aviazione italiana durante la Grande Guerra, su un fianco del monumento compare l'emblema del maggiore Baracca, il cavallino rampante, noto in tutto il mondo per essere stato adottato da Enzo Ferrari come stemma per le "rosse" di Maranello.

Ci si dirige poi verso Fusignano, Alfonsine, S.Alberto e, dopo aver superato il primo controllo e traghettato, si sbarca nelle suggestive Valli di Comacchio dove si possono ammirare i fenicotteri rosa e altre specie di volatili di palude. Una volta raggiunto il 2° controllo situato a Comacchio, ci si indirizza in direzione di Lugo per compattarsi con i randonnèer i quali hanno optato per il brevetto da 300 km: si riparte verso Cotignola, Russi, S. Pietro in Vincoli, Borghetto, Casemurate, giungendo alle porte di Cesena, si prosegue ancora per S. Carlo e a Borello mantenendo la provinciale che risale il corso del torrente omonimo (segnalazioni Ranchio - Spinello).

In circa 9 Km di facili saliscendi, dopo aver superato le frazioni di Borgo alle Rose, Piavola e San Romano, si raggiunge Linaro. Si prosegue per Ranchio, Civorio (mt. 409) e, dopo circa Km 10 con un dislivello di 411 metri, si arriva a Spinello e dopo pochi km al bivio sulla SP del Passo Carnaio dove è situato il controllo da noi presidiato, quindi si scende in direzione Santa Sofia.

Appena lasciato il paese che sorge sulla Valle del fiume Bidente,  la strada ritorna a salire dolcemente per circa 15 km. e poco dopo Corniolo la pendenza aumenta (media del 6% con brevi tratti al 10%) fino ad arrivare prima a Campigna, il paesino più piccolo e alto della vallata situato proprio sul crinale che divide Romagna e Toscana, al centro del meraviglioso Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi e successivamente sul Passo della Calla mt. 1295.

Si scende per 16 km. fino ad arrivare al bivio di Stia (mt. 441), si gira a destra per iniziare una nuova ascesa di circa 12 km oltre il 5% di pendenza media ma con tratti oltre il 10% Il passo nell’ultimo tratto si avvita con dei bei tornanti e il panorama torna a farsi interessante fino ad arrivare al Valico Croce ai Mori (mt. 955). La discesa verso Londa è lunga e gradevole, un sollievo per le gambe. Da Londa è facile seguire i cartelli che ci portano fino a Dicomano e successivamente a Vicchio dove è situato il controllo presso il Bar Baraonda. Si prosegue per Borgo San Lorenzo dove si imbocca la strada provinciale n.302 Brisighellese - Ravennate quella che conduce a Faenza sul percorso della "100 chilometri del Passatore", tradizionale corsa podistica che si tiene ogni anno a fine maggio: tralasciando uno strappo iniziale al 5-6% i primi chilometri sono agevoli e permettono di ammirare il classico paesaggio della campagna mugellana con campi di grano e bestiame al pascolo. Si supera così la frazione di Panicaglia (km. 3,7, fontana sulla destra) e si prosegue in direzione di Ronta (km 7,3) per una strada in leggera pendenza. All’uscita del borgo (fontana, sulla sinistra) ci attende un nuovo strappo - stavolta più brusco - con successiva discesa che conduce a Madonna dei Tre Fiumi (km. 8,7 alt. 410 mslm) e qui si comincia a fare sul serio e nei successivi otto chilometri ci sono poche occasioni per "tirare il fiato". Si pedala nella stretta valle del Torrente Ensa immersi nel bosco e nella frescura anche nelle più torride giornate d’estate. La pendenza è quasi costante e rimane fra il 5 e il 7 per cento fino alla frazione di Razzuolo (km. 12,5, alt. 635 mslm) dove la strada spiana per qualche centinaio di metri (fontana sulla destra) ma all’uscita dell’abitato la salita riprende con uno dei sui tratti più ostici in corrispondenza del piccolo cimitero (sette-ottocento metri al 9-10%).

A questo punto la strada ritrova una pendenza costante del 6-7% e così resta fin quasi al valico. A circa un chilometro dal passo si arriva alla Fonte dell’Alpe, una fontana naturale con acque fra le più fresche e abbondanti di tutta questa parte di Appennino. Qui la pendenza diminuisce per cinquecento metri in attesa dell’ultimo sforzo che conduce fino al Passo della Colla di Casaglia (km. 16,5, alt. 913 mslm) dove si trova anche un bar-ristorante molto frequentato da ciclisti e motociclisti. Proseguendo, in circa 18 chilometri di discesa, si raggiunge il paese di Marradi, si prosegue ancora per 5 km. fino a S. Adriano, dove si svolta a destra per dare inizio all’ultima salita programmata di circa 5 km, quella del Beccuggiano (mt. 537); proseguendo si scende seguendo i cartelli gialli del "Giro della Romagna 138 km" fino al controllo sito presso l’agriturismo Querceto. Siamo sulla via del ritorno in direzione Modigliana; la sua rocca medievale fu culla della potenza dei Conti Guidi, signori di parte ghibellina, che attraverso più di 200 castelli controllavano un vastissimo territorio, esteso fra Romagna e Toscana. Mancano all'arrivo 50 km tutti pianeggianti, transitando dalla città di Faenza, che è considerata la capitale della ceramica per la sua tradizionale manifattura della maiolica d'arte. Rimangono quindi gli ultimi 20 km per arrivare a Lugo al meritato pasta-piadina-salciccia-dolce-party.

BUON VIAGGIO A TUTTI

 

MODALITÀ ISCRIZIONI ON-LINE del ciclista

 

Socio ARI

Il ciclista socio ARI, dopo essersi "loggato" viene riconosciuto dal server ARI che verifica che la data della visita medica depositata in DataHealth sia valida nella data del Brevetto (se fosse scaduta gli chiede di aggiornarla) e gli permette di iscriversi immediatamente, senza dover inserire i propri dati, procedendo al pagamento della quota di iscrizione scontata.


Non socio ARI

ARI e gli Organizzatori associati utilizzano il servizio DataHealth per la verifica e l’archiviazione dei certificati medici. 

Il sistema, prima di aprire la scheda iscrizioni chiede di inserire il proprio CODICE FISCALE per verificare su DataHealth se sei registrato e hai la visita medica valida. Si presentano perciò due casi:

- IL SISTEMA TROVA VISITA MEDICA VALIDA su DH Sei certificato perché a suo tempo hai già fatto la procedura di inserimento in DataHealth per un precedente Brevetto ARI o per una GF che lo aveva richiesto. Quindi PUOI PROCEDERE > si apre la scheda iscrizioni da compilare.

IL SISTEMA NON TROVA LA VISITA MEDICA VALIDA > NON sei certificato in DataHealth.
Per iscriverti ONLINE a questo o ad altri brevetti ARI.

  • dovrai registrarti e depositare il tuo certificato medico di idoneità in DataHealth con pagamento del costo servizio a DataHealth (2,80€)
  • oppure potrai decidere di diventare socio ARI (la procedura richiede un paio di giorni, vedi modalità e opportunità a questo link. In questo caso il costo per il deposito della visita medica è compreso nella quota associativa ARI di 10€) 

Resta comunque la possibilità di iscriverti sul posto portando la visita se l’organizzatore accetta questa modalità. 

Dopo aver caricato, comunque, la propria visita medica valida sul portale DataHealth, e e aver ricevuto da questi conferma di validazione (solitamente entro 24 ore) il Ciclista, rientrando nella scheda iscrizioni, POTRÀ PROCEDERE ALL’ISCRIZIONE: inserito il proprio codice fiscale, il server ARI verifica in DataHealth e a validazione avvenuta apre la scheda iscrizioni da compilare.

NOTE:

- I certificati ritenuti validi per legge per partecipare ad un BREVETTO Randonnée (distanze superiori a 70km o con dislivello medio superiore all 1% o con salite superiori al 6%) sono: CERTIFICATO MEDICO AGONISTICO PER IL CICLISMO o CERTIFICATO MEDICO PER ATTIVITÀ AD ALTO IMPEGNO CARDIOVASCOLARE.

- Ovviamente, una volta caricato il proprio certificato medico su DataHealth non è più necessario ripetere la procedura per l’iscrizione ad altri Brevetti ARI.

- DATAHEALTH ha 24 ore (max 48h) per validare il certificato, quindi il ciclista resterà evidenziato nell’elenco iscritti come "ATTESA DI VALIDAZIONE" fintanto che il server ARI non riceve anche questa conferma.

- Il ciclista che si registra in DataHealth riceve, insieme alla mail di conferma di validazione del suo certificato, il QRcode contenente tutti i dati del certificato e l’attestazione di avvenuta validazione da parte di DataHealth. (vedi dettaglio)  Pertanto, qualsiasi organizzatore che utilizza il servizio DH con un semplice smartphone dotato di lettore di QRcode può verificare il possesso del requisito previsto.

ACCEDI/ASSOCIATI
ACCESSO SOCIO CICLISTA
Indirizzo E-Mail:

Password:


Accedi
ACCESSO SOCIO ORGANIZZATORE
Indirizzo E-Mail:

Password:


Accedi